Foto Foto Foto Foto Foto Foto
Vivi Cabras>Chiese>Chiesa di Santa Maria Assunta

Chiesa di Santa Maria vergine Assunta

Alla fine del XV secolo il paese di Cabras incrementò il numero dei suoi abitanti, di conseguenza fu necessario edificare una nuova Parrocchia rispondente alle esigenze sempre più numerose della comunità. I ruderi del Castello degli Arborea, edificato da questi sulla riva orientale dello stagno di Mar'e Pontis (le cui tracce erano visibili dietro la Chiesa di Santa Maria fino a qualche anno fa), vennero opportunamente, sebbene barbaramente, restaurati e utilizzati per la costruzione della chiesa dedicata a Santa Maria. Ancora oggi si crede, infatti, che Eleonora d'Arborea avesse dedicato alla Madonna la Cappella del Castello, in nome della sua grande devozione per la Vergine, come dimostrano le frequenti invocazioni presenti nel codice della Carta de Logu.

La Chiesa sorgerebbe dove una volta erano ubicati i grandi magazzini del Castello: infatti, nel corso degli scavi fatti eseguire dal Pievano Dott. Eugenio Sanna, nell'aprile del 1908, per gettare le fondamenta della nuova facciata, alla profondità di 3 metri, distanti 5 metri l’uno dall'altro, furono rinvenuti alcuni orci molto grandi, allineati e ripieni di terra.

L'edificio, in origine, aveva una sola navata con travature di legno e tegole. Intorno al 1650 venne costruita la volta a botte e - quasi un secolo dopo - il Marchese d'Arcais costruì il Coro, le due cappelle più grandi, dette ”del Rosario” e di “Sant’ Anna”, innalzò una cupola di 25 metri d'altezza e attribuì alla navata unica la perfetta e caratteristica forma a croce latina.


Clicca sulle immagini per ingrandirle.


crèsia de santa maria vìrgini assunta

 

A fini de su sèculu XV sa bidda de Crabas aiat crésciu de populatzioni, e fut tocau a pesai un’àtera Parròchia de podi parai fronti a is abbisòngius crescentis de sa comunidadi. Is arruinas de su Casteddu de is de Arbarei, fabbricau de issus etotu in s’oru orientali de Mari de Pontis (fintzas a pagus annus fadiat a ndi biri is arrastus de asegus de sa crèsia de Santa Maria), fiant istètias assentadas e torradas a portai, propiamenti si puru barbaramenti, in su fàbbricu de sa crèsia dedicada a Santa Maria. Oi chi est oi si creit, difatis, chi Lionora de Arbarei essit postu in onori de Nosta Sennora sa Capella de su Casteddu po sa divotzioni manna chi portaiat a sa Vìrgini, cosa sinnalada de is cramatzionis medas chi ddoi funt in sa Carta de Logu.

 

Sa Crèsia parit chi dd’apant posta innui fiant is fundagus de su Casteddu in tempus: difatis sendi boghendi is foradas chi aiat bòfiu a fai s’arretori Dott. Eugenio Sanna in su mesi de abrili de su 1908 po ghetai sa fundamenta po s’afachiada noa, a 3 metrus a fundu, postas a pasas de 5 metrus, aiant buscau unas cantu brùnnias mannas meda, anneradas e prenas de terra.

 

Su fàbbricu, in orìginis, fiat a curridòriu solu cun bigas de linna e tèula. Fachi a su 1650 aiant murau sa bòvida a carrada e – a pustis agiumai de unu sèculu – su Marchesu de Arcais aiat fabbricau sa Cantoria, is duas capellas prus mannas, chi narant de “s’Arrosàriu” e de “Sant’Anna”, aiat pesau una tzimbòriga de 25 metrus de artària e giau a su curridòriu sa forma perfeta e caraterìstica de s’arughi latina.

 

Comune di Cabras - Piazza Eleonora d'Arborea,1 - 09072 Cabras (OR) - Tel. 0783.3971 - Fax 0783.391646
Email PEC: comunedicabras@pec.it